E’ di fondamentale importanza, non solo per essere accettati socialmente, ma anche perrispetto di se stessi e per mantenersi in salute, curare sia il proprio aspetto che l’igiene personale. Ogni mattina quando ci si alza è necessario, prima o dopo aver fatto colazione non ha importanza, indossare vestiti puliti e stirati, lavarsi (alcune persone preferiscono fare la doccia la sera prima di andare a letto, altre la mattina, altre ancora entrambe), pettinarsi, sbarbarsi se si è maschi adulti (a meno che non si decida di farsi crescere barba o pizzetto, ma anche in questo caso è necessario curarne l’aspetto regolando la lunghezza dei peli con forbicine o appositi atrumenti), applicare il deodorante (se vi danno fastidio i profumi, in farmacia sono in vendita deodoranti senza profumo per persone allergiche, vanno benissimo) e lavarsi i denti se si è mangiato. Le ragazze devono provvedere a depilarsi le gambe (ma sconsiglio di farlo di prima mattina, meglio un momento tranquillo durante la giornata), e se proprio non è possibile per ragioni di tempo, indossare pantaloni lunghi! Alcune donne non si depilano le ascelle, immagino sia una questione di scelte personali, io lo trovo abbastanza sgradevole da vedere. Inoltre i peli sotto le ascelle favoriscono i cattivi odori, quindi è sempre bene toglierli. Chi ha fretta o non può/non vuole fare la ceretta (che è veramente molto dolorosa, soprattutto in alcuni punti del corpo, come l’inguine) può usare creme depilatorie, seguendo attentamente le istruzioni sulle confezioni, oppure il rasoio. E’ vero che con questi sistemi i peli ricrescono più in fretta, ma se una non ha tempo vanno benissimo!

E’ molto importante assicurarsi di lavarsi sempre i denti dopo i pasti principali. Qui non parliamo solo di accettazione sociale (denti sporchi e alito cattivo sono una delle cose che più allontanano le altre persone) ma anche di salute, e soprattutto…di soldi! Le cure dentistiche, infatti, sono costosissime. Trascurare l’igiene dentale significa inevitabilmente ritrovarsi con una o più carie, che vanno immediatamente curate per evitare che rovinino i denti e causino problemi più gravi e…più costosi!

L’igiene intima è altrettanto fondamentale, e anche qui non è solo questione di apparenza. Soprattutto per le ragazze l’utilizzo del bidet è indispensabile ogni volta che si usa il wc: bisogna prevenire irritazioni e infezioni delle zone intime, che possono essere nella migliore delle ipotesi molto fastidiose. Ma anche i ragazzi devono usare il bidet ogni volta che usano il wc…da seduti!

Cambiarsi i vestiti ogni giorno, e anche più volte al giorno (senza esagerare!) se ci si sporca, si suda molto o comunque ci si reca in ambienti diversi (ad esempio dal lavoro alla palestra: non si può fare sport vestiti da ufficio!), è un’altra norma sociale che è necessario seguire. Se una persona non si cambia mai d’abito, anche se lo lava tutti i giorni (cosa possibile d’estate, ma d’inverno a meno che non si possieda un’asciugatrice o si vada tutti i giorni alla lavanderia a gettone è più difficile), le altre persone avranno la percezione che quella persona non sia pulita e tenderanno a prenderne le distanze. I vestiti devono essere anche stirati. Stirare è noioso, ma meno difficile di quanto non si creda. Una persona indipendente dovrebbe procurarsi asse e ferro da stiro ed evitare di rifilare tutto alla mamma!
Se non c’è niente di male a indossare lo stesso paio di jeans per due o tre giorni, la biancheria intima invece deve essere assolutamente cambiata al massimo ogni 12 ore. Un reggiseno, se non si suda, può essere cambiato anche ogni due o tre giorni. Le magliette e le canottiere invece ogni giorno.

Lo stesso vale per l’ambiente in cui si vive! Le lenzuola vanno sostituite con altre pulite una volta alla settimana, e quelle sporche ovviamente vanno lavate. I letti vanno rifatti la mattina, e non lasciati sfatti tutto il giorno.
L’appartamento o la stanza in cui si vive va tenuto in ordine e puilto, il che significa gettare nel secchio della spazzatura tutti i rifiuti (differenziandoli, possibilmente) e portare via i sacchetti della spazzatura una volta al giorno, al cassonetto dell’indifferenziata o nei vari cassonetti (vetro, plastica, carta e alluminio) se si differenzia.
Gli abiti puliti vanno piegati (in caso di maglie, magliette e…maglioni) e disposti nei cassetti, oppure nell’armadio per pantaloni, camicie, giacche, gonne e abiti. Quelli sporchi vanno messi in lavatrice o nel cesto dei panni sporchi e poi lavati. Ad ogni modo non devono essere lasciati in giro per casa o per la stanza.
Niente dovrebbe stare per terra o ammucchiato da qualche parte. Non bisogna essere ossessivamente ordinati, ma è bene che ogni cosa stia al suo posto: i libri negli scaffali, gli utensili di cucina negli armadietti o nei cassetti (della cucina, ovviamente), i cd e i dvd nelle proprie custodie e nei relativi portaoggetti, e così via con tutti gli altri oggetti.

I sanitari del bagno vanno puliti con gli appositi prodotti: di solito sono in flaconi vaporizzatori o in gel. La pulizia del bagno è molto importante, e va fatta ogni due-tre giorni al massimo. Bisogna pulire il wc, il lavandino, la vasca e/o la doccia e il bidet.

Anche la cucina deve essere pulita e in ordine: i piatti vanno lavati almeno una volta al giorno e non devono esserci in giro residui di cibo. Bisogna pulire fornello e lavello con gli appositi prodotti e tutto ciò che si usa, una volta pulito, va rimesso a posto.

Tutta la casa, poi, deve essere spazzata (ovviamente va benissimo anche l’aspirapolvere) ogni giorno, al massimo ogni due giorni, mentre i pavimenti vanno lavati sempre quando sono sporchi (ad esempio se si è versato del liquido in terra) o comunque almeno una volta alla settimana.

Tutto questo, ripeto, è importante sì come forma di rispetto per sè e per gli altri, ma soprattutto è una questione di salute. Difficilmente i germi patogeni si annidano in ambienti ordinati e puliti, e se è vero che non va bene essere ossessionati dalla pulizia è anche vero che non fa bene vivere in un ambiente sporco e in disordine.